Una sezione dedicata a chi ama approfondire

Per alcune parole ed espressioni dell'italiano svizzero, soprattutto quando queste sembrano più eleganti delle equivalenti del Bel Pese, siamo andati indietro nel tempo e nella letteratura a indagare sulla loro storia ed origine.
Qui sotto mettiamo un piccolo esempio:

Abiàtico
L’etimo di abiatico è avo, a sua volta dal latino avum= anziano. A poppa, sotto la bandiera, v'era seduto don Franco Maironi, l'abiatico della vecchia marchesa Orsola che dava il pranzo.
A. Fogazzaro, Piccolo mondo antico, 1896


Attrattivo
Attrattivo e attraente trovano ambedue origine nel verbo attrarre, a sua volta dal latino adtrahere = “trarre a”. O fuoco dolce e attrattivo, che scaldi e cacci via ogni freddezza di vizio e di peccati
S. Caterina da Siena, Lettere, ca. 1370

Calcolazione
Calcolare ci arriva dal latino calculum = sassolino, a sua volta da calx, calce. È evidente il riferimento alle pietruzze quando parliamo di calcoli renali, lo è un po' meno quando ci riferiamo al far di conto ma la spiegazione c'è: nell'antica Roma le operazioni aritmetiche erano eseguite su di una tavoletta (abacus) con delle apposite scanalature in cui scorrevano dei sassolini, i calcula.
Se pensiamo all'azione di velocissime dita che muovono sassolini per calcolare, il termine calcolazione è molto più significativo dell’insipido calcolo, sebbene possa sembrare inconsueto e sgradevole a un orecchio italiano.
Aggiungerò poscia la esatta calcolazione di quelle riverenze le quali si fanno più dilicatamente...
AA. VV., Il Caffè - Sulle riverenze, ca. 1765

"Si dice anche in Italia"

L’obiezione più frequente che è stata fatta allo Svizzionario è “non è vero, si dice anche in Italia!”. Precisiamo: accanto ad alcune parole ed espressioni che si possono sentire e leggere solo in Svizzera, ce ne sono molte che è possibile riscontrare anche in Italia, soprattutto in Lombardia. Ciò non toglie che in Ticino se ne faccia un uso più diffuso o semplicemente diverso.